Sede dei Bronzi di Riace e prima città della Calabria per antichità. Reggio Calabria si sviluppa lungo la costa orientale dello stretto di Messina “ sulla punta dello stivale” al centro di un fertilissimo territorio che dà vita a rigogliosi coltivazioni di ulivi, viti, agrumi e del famoso Bergamotto.

Reggio Calabria view

Situata tra i torrenti Annunziata, Calopinace e Sant’Agata ed affacciata sullo Stretto di Messina, la città diReggio Calabria gode di un magnifico clima Mediterraneo, caldo d’estate ma con venti freschi provenienti dallo stretto e mite d’inverno con temperatura quasi mai vicine allo zero.

Rocce a picco su di un mare limpido ed immenso, l’imponenza delle agave ed i colori della buganvillea, le coste frastagliate, i paesi arroccati, i secolari ulivi. Un paesaggio mozzafiato per una fortissima dimostrazione di tradizioni e folclore come l’uso dei dialetti calabresi, le famose ballate come la Tarantella e lu Cacciattacci e la tanto amata cucina calabrese.

Reggio Calabria spiaggia e meare

Quando si parla della cucina calabrese bisogna precisare la sua diversità data dalle differenze etniche e linguistiche che compongono l’intera regione. Reggio Calabria si contraddistingue per le sue influenze napoletane e siciliane. Tra i suoi piatti tipici troviamo oltre alle salsiccie, la soppressata calabra e l’nduia, U Suffrittu, uno spezzatino di frattaglie vaccine, i maccarruni ca sarsa, pasta tipica lavorata con i ferri per filare la lana, la pasta e cavolfiore o pasta e broccoli, le fave a maccu. Tra i piatti di pesceil pesce spada è l’ingrediente più utilizzato assieme alle costardelle ma la prelibatezza assoluta è rappresentata dalle frittelle di nannata, pesce azzurro neonato consumato con olio, limone, anche crudo.

Reggio Calabria, i bornzi di riace

Reggio Calabria possiede inoltre innumerevoli monumenti e musei da visitare come i già noti Bronzi di Riace all’interno del Museo Archeologico Nazionale della Magna Grecia, noto anche come palazzo Piacentini. Al suo interno è possibile visitare la sezione della Preistoria e Protostoria con moltissimi reperti provenienti dal territorio calabrese, oltre alla sezione dedicata alle colonie della Magna Grecia, alla sezione romana e bizantina ed alla sezione numismatica.

Reggio Calabria, lungomare Falcomatà

A Reggio troviamo inoltre quello che è definito Il più bel chilometro d’Italia”, per via di un interessante fenomeno ottico visibile solo dalla costa calabra, anche detto il miraggio della Fata Morgana, per il quale è possibile vedere le immagini ravvicinate della Sicilia riflesse dal mare. Stiamo parlando dell’area costiera compresa tra il porto ed il fortino a Mare, ovvero il Lungomare Falcomatà o lungomare Matteotti. Viale ricco di palmizi e specie vegetali differenti, adornato da palazzi in stile liberty come il palazzo Zani, palazzo Spinelli e villa Genovese Zerbi.


Amarla è semplice, dimenticarla impossibile. Questa è Reggio Calabria.