Tieni a mente

  • visita il suggestivo Eremo delle Carceri
  • prendetevi il tempo per uno spuntino con pecorino, ciauscolo, umbricelli e rocciata

Per chi non vuole mischiarsi tra la folla in spiaggia o immettersi in faticosi e lunghi tragitti verso qualche cima, ma passeggiare tra viuzze e respirare un’atmosfera d’altri tempi circondato da opere d’arte venga ad Assisi!

Visitare questo borgo medievale di 25.000 abitanti ha un significato che va oltre alla gita a scopo culturale, è inevitabilmente un “viaggio” religioso! Perché qui nacque e visse San Francesco!

E’ quindi d’obbligo iniziare il tour dalla maestosa Basilica di San Francesco (XIII secolo).

2010-08-11_Assisi_San_Francesco_basilica_superiore_(corrected)

La basilica è composta da due costruzioni, la Chiesa Superiore e la Chiesa Inferiore che sono così diverse tra loro che si completano.

'_Assisi_'_0001

Varcate i bellissimi portoni della Chiesa Inferiore, sono di quercia e impreziositi con decori di Niccolò da Gubbio. Arrivando alla fine della navata potrete ammirare la cappella di Santa Caterina eretta dal insigne Cardinale Albornoz che qui giace. Lateralmente le cappelle con affreschi d’indescrivibile bellezza realizzati da Taddeo Gaddi e Giovanni da Cosma. Alzando gli occhi verso la volta vi troverete davanti a une vera opera d’arte con raffigurazioni dipinte da Simone Martini e Giotto. L’altare maggiore situato in fondo alla navata, in corrispondenza del sepolcro di San Francesco, è sovrastato da quattro incantevoli affreschi del maestro Giotto glorificando le tre virtù: Castità, Obbedienza e Povertà. Da qui si può scendere direttamente alla cripta dove riposa la spoglia del santo. Una curiosità che pochi sanno: Questa cavità è stata ricavata lasciando intera la roccia che custodiva il sarcofago di San Francesco!

001_Upper_Basilica_in_Assisi

Raggiungendo la fulgida e slanciata Chiesa Superiore rimarrete ancora di più stupiti davanti ai dipinti di Cavallin, Cimabue, Jacopo Torriti e naturalmente del grande Giottto il quale mise la sua firma su ben 28 affreschi sulla vita del Santo; un patrimonio artistico d’incalcolabile valore e senza dubbio il ciclo pittorico più considerevole nell’iconografia francescana.

ok

Dopo la visione di queste meraviglie ci si può recare sulla Piazza del Comune con la romantica fontana  dove è situato un gioiello di arte antica: il Tempio di Minerva.

Assisi_Piazza_del_Comune_BW_7

Qui sorge anche Palazzo dei Priori, Palazzo del Capitano del Popolo con la Torre del Popolo. Alla parte estrema del borgo si trova invece la Basilica di Santa Chiara con il meraviglioso crocifisso che si dice abbia parlato a San Francesco.

9487007954_d48b7d5649_b

Risalendo il Monte Subasio si arriva al suggestivo Eremo delle Carceri, dove il Santo si ritirava in preghiera. Fermatevi per un po’ e fatevi avvolgere dal silenzio e dall’atmosfera di questo posto circondato da un fitto bosco di lecci.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Finite la gita ad Assisi gustandovi con un panorama mozzafiato su tutto il borgo e su parte della valle da Rocca Maggiore. Ma non potete partire senza aver degustate almeno 4 di queste golosità assisane: il pecorino, il salame spalmabile di nome ciauscolo, gli umbricelli ossia spaghetti fatti a mano alla norcina o al tartufo e il dolce di nome rocciata con un profumatissimo ripieno di nocciole, mele, uvetta e noci.