Asti, colonia romana e prima ancora centro ligure, nota al mondo per la famosa produzione vinicola del Monferrato, in particolare per l’Asti Spumante e per essere la città natale di Vittorio Alfieri, è un comune italiano capoluogo della provincia omonima in Piemonte, a 60 km a sud-est da Torino, in mezzo a celebri colline, tra le Langhe e il Monferrato.

corpo-03

 

Forte di un suo importante passato fatto di saccheggiamenti e diversi domini partendo dai Romani, per poi passare ai Savoia, Asti è riconosciuta in tutto il mondo per il suo territorio collinare, fatto di borghi, vigneti, boschi e soprattutto buon cibo e tantissimo ottimo vino.

Un giro per la città è d’obbligo. Un territorio protetto da alti rilievi e quindi con un clima dalle influenze sia mediterranee che atlantiche, con un grado di umidità in media del 52.5% che permette ai tanti boschi e vigneti di vivere nel loro clima ottimale.

Una città elegante e ricca di storia, dove è possibile ammirare il Palazzo Alfieri, casa natale del grande scrittore barocco, la Cripta di Sant’Anastasio, la Torre Troyana, il Battistero di San Pietro, la Cattedrale Santa Maria Assunta e San Gottardo, Palazzo Mazzetti e moltissimo altro ancora.

 

corpo-01

 

Una città che oltre ai tanti edifici e palazzi signorili regala una forte e sentita cultura culinaria e vinicola. A partire dalla cucina tipica fatta di primi e secondi corposi ma allo stesso tempo di origine contadina e povera come:

  • l’Agliata del Monferrato, una crema agliata da spalmare sul pane abbrustolito,
  • la Bagna Cauda, piatto piemontese di origine astigiana composta da aglio, olio e acciughe dissalate
  • i Canestrelli del canavese
  • il carpionato di zucchine
  • il Fricassà mescià, ovvero il fritto misto piemontese
  • l’insalata di finocchi e bra
  • gli Agnoletti all’astigiana

 

corpo-05

 

Ma la vera regina della tradizione astigiana sono senza dubbio i vini e le tante e note produzioni vinicole del territorio.

A far da padrone sono sicuramente i due vini più noti che hanno ormai da anni superato i confini dell’Astigiano, del Monferrato e del Piemonte ovvero il Moscato d’Asti e la Barbera d’Asti. Vini che si uniscono alla denominazione ASTI DOCG composta e riservata ai vini Asti o Asti Spumante, Asti o Asti Spumante Metodo Classico, Moscato d’Asti e dal Moscato d’Asti vendemmia tardiva.

Tutti vini ottenuti al 100% da uve del vitigno Moscato Bianco e la cui zona di produzione si trova a cavallo tra le provincie di Alessandria e di Cuneo, la sottozona Canelli, la sottozona Santa Vittoria d’Alba e la sottozona Strevi.

Una cultura ed una tradizione culinaria e vinicola che fa di Asti una fortissima attrazione turistica per tutti gli appassionati di antichi borghi italiani e particolarmente per tutti gli appassionati di vini italiani DOCG.

 

corpo-04