Amato anche da Giovanni Pascoli, questo borgo toscano nella Valle del Serchio è riconosciuto tra i borghi più belli d’Italia e può fregiarsi di diversi riconoscimenti tra cui la bandiera arancione del Touring Club Italiano.

I numerosi riconoscimenti ottenuti ne testimoniano la grande importanza dal punto di vista culturale, artistico e storico. Di che località stiamo parlando? Di Barga, l’affascinante borgo in provincia di Lucca, meta ideale per un weekend fuori porta in un luogo ricco di suggestione e fascino medievale.

Barga011

La cittadina conserva ancora i tratti tipici delle città medievali a cominciare dai resti delle mura medievali che proteggevano il borgo e dalla tipica toponomastica fatta di vie, vicoli e piazzette adornati da eleganti edifici di epoca rinascimentale. Il modo migliore per scoprire la città è sicuramente a piedi, perdendosi e girando tra le sue vie e i tipici vicoli gradinati, le cosiddette “carraie”. Se arrivate a Barga con il vostro mezzo, potete lasciarlo parcheggiato vicino a porta Reale, in Piazzale del Fosso.

Da questa porta di accesso al borgo potrete poi partire alla scoperta degli edifici e dei luoghi principali di Barga come la Chiesa della SS. Annunziata, chiesa del XVII° secolo che ospita al suo interno affreschi e tele del pittore Baccio Ciarpi.

Cupola_interna_della_chiesa_della_Santissima_Annunziata,_Barga1

Poco più avanti ecco aprirsi la piazza che ospita il Teatro dei Differenti, inaugurato nel 1795. Proseguendo troverete poi Piazza Angelio, dominata da edifici rinascimentali come Palazzo Angeli e Palazzo Tallinucci.

Il punto principale di una passeggiata a Barga sarà sicuramente il Duomo di San Cristoforo: questo edificio, la cui prima costruzione risale a prima dell’anno 1000, si erge sulla sommità di un colle da cui godere di una spettacolare vista sulla valle del Fiume Serchio e sui rilievi della Pania Secca e della Pania della Croce. Il duomo si caratterizza per la sua facciata, realizzata in marmo bianco, e per una struttura interna a tre navate dove sono conservati, tra le altre cose, un pulpito del XII secolo di scuola comacina e un crocifisso ligneo del XV secolo di scuola bolognese.

Barga_duomo1.jpg

Tra gli altri edifici religiosi da non perdere spicca la Chiesa del Santissimo Crocifisso, la più antica dopo il duomo.

Esterno_della_chiesa_del_Santissimo_Crocifisso_(Barga)1

Vicino a Barga e assolutamente meritevole di visita è la frazione di Castelvecchio Pascoli dove sorge la villa Cardosi-Carrara, meglio nota come Casa Pascoli. Qui infatti, il poeta Giovanni Pascoli si stabilì dal 1895 al 1912, alla ricerca di un luogo dove poter vivere in pace e a contatto con la natura. Oggi Casa Pascoli è una casa museo che ospita un ricco archivio di opere e dove si trovano anche le spoglie del poeta, ospitate nella cappella.