La città di Campobasso è un comune italiano ed è capoluogo dell’omonima regione Molise. La città sorge a 701 metri di altitudine e per questo motivo si classifica il terzo capoluogo di regione dell’Italia peninsulare, dopo Potenza e L’Aquila.

Il clima del territorio è prettamente appenninico dove l’inverno è caratterizzato da frequenti nevicate a causa dello stau adriatico indotto dall’Appennino meridionale sannita, mentre l’estate è fresca per la presenza dell’umidità che è spesso bassa.

Dal punto di vista storico, la città si divide in due parti, una di origine medioevale che viene testimoniato dal famoso Castello Monforte, posto sul pendio di un colle, e una di origine moderna che è possibile notare attraverso i monumenti risalenti al XIX secolo situati nella pianura ai piedi del centro antico.

Lungo il perimetro del colle in cui sorge il castello si estende la città che si amplia a ventaglio ed è costituita da vicoli e scalinate lunghe e tortuose. Ai lati delle strade giacciono case ed edifici in pietra che sono, spesso, caratterizzati da piccoli cortili interni decorati da fiori e piccoli pozzi.

La parte moderna della città, denominata centro murattiano, è di epoca ottocentesca per la presenza di un tessuto urbano tipico di quel periodo storico. Tale tessuto si sviluppa lungo un’area pianeggiante pensata secondo l’ideale della città giardino, un particolare che contraddistingue la città e che vede la presenza di molti spazi verdi e fontanelle.

Grazie al fatto che la città sorge tra una parte antica e una moderna è possibile notare diversi monumenti che bisogna assolutamente vedere. Un esempio è la cattedrale della Santissima Trinità, costruita nel 1504 e rasa al suolo dal terremoto del 1805. Dopo, la cattedrale venne ricostruita in stile neoclassico e ad oggi, rappresenta il luogo di culto della città. L’interno dell’edificio è a tre navate dentro il quale sono presenti numerosi affreschi di grande rilevanza storica, finestre policrome e una fonte battesimale in granito del 1745.

 Un altro importante monumento da vedere è il Museo dei Misteri, chiamato così perché il museo raccoglie costumi d’epoca, fotografie e cataloghi che riguardano il tema del Corpus Domini, festa che istituì Papa Urbano IV nel 1264 e che cade nella seconda domenica dopo la Pentecoste. Il termine Misteri sta ad indicare le rappresentazioni medievali di un oggetto sacro.

Campobasso non è solo monumenti ma anche ville d’epoca, un esempio è la villa de Capoa, un suggestivo e panoramico parco comunale che si affaccia su piazza Savoia e rappresenta il luogo ideale in cui fare delle lunghe passeggiate tra i cedri del Libano, cipressi, abeti rossi e tigli.