Il Carnevale si avvicina, e in Puglia si svolge una delle sfilate più particolari della regione: è il Carnevale di Massafra!

Poco più di un mese a Carnevale, e le città sono in fermento. Nelle vetrine si intravedono coriandoli, maschere e costumi, e in tutto lo stivale si preparano i festeggiamenti per celebrare questa ricorrenza amata da bambini di tutte le età, nella quale per (almeno) un giorno si possono abbandonare i panni di tutti i giorni per diventare qualcun altro!

Una delle feste di Carnevale più famose in Puglia e al sud in generale sono sicuramente i festeggiamenti che si svolgono a Massafra, in provincia di Taranto.

massafra_carro1

Il Carnevale di Massafra è famoso per il suo percorso non transennato che permette anche ai cittadini di essere parte del divertimento, partecipando all’animazione e alle coreografie dei carri allegorici in sfilata lungo il corso principale della città.

massafra1_1

La storia di questo carnevale è assai curiosa: sembra infatti che tutto nasca da uno scherzo nel 1951, quando un gruppo di attori appartenenti alla Filodrammatica si riuniva per preparare uno spettacolo di Goldoni, pensando ad uno scherzo di Carnevale da architettare per destare la pigra cittadina di Massafra. Alcuni di questi attori pensarono bene di spargere la voce che nell’ultima domenica di Carnevale si sarebbe svolta una vera e propria corrida in città, con tori, matadores e tutti gli altri personaggi a corollario. È intuibile come tale notizia mise in allarme non solo i semplici cittadini che accorsero in massa per assistere allo spettacolo, ma anche le autorità che temevano per la pericolosità dell’evento. Alla fine tori, matadores, picadores e banderilleros apparvero in città, ma trattavasi di tori di cartapesta, picadores a cavallo di scope e di un matador disarmato. Una burla perfettamente riuscita che diede l’impulso per la creazione di un carnevale sempre più bello e partecipato.

Al termine della sfilata si svolge poi la parte più peculiare della festa, ossia il corteo funebre del Re Carnevale, tradizione che risale ai primi del 900, con la quale si celebrava la fine dei festeggiamenti e il ritorno al lavoro dei contadini. Questa sfilata tragicomica, dopo essere stata assente per quasi 50 anni, è tornata nell’edizione del carnevale massafrese del 2003.

Mortedelcarnevalemassafra1