Tieni a mente

Il Tempio-Teatro Sannita di Pietrabbondante in Molise

Il tempio-teatro Sannita di Pietrabbondante rappresenta una tappa obbligatoria per chi visita il Molise e la provincia di Isernia.

Il complesso intero, costruito su di un terrapieno artificiale sulle pendici del Monte Saraceno, è costituito da un teatro, un tempio e due edifici di servizio posti ai fianchi di quest’ultimo.

La sua costruzione, che domina l’intera valle del Trigno, ebbe inizio alla fine del II secolo a.C. con lo scopo di ricoprire un ruolo politico-istituzionale e religioso per l’intero popolo Sannita.

Tempio teatro Sannita di Pietrabbondante

L’area archeologica di Pietrabbondante, situata a quota 966 m slm, è completamente in pietra lavorata a faccia vista con il podio alla base di un colonnato greco e il teatro formato da sedili anatomici con la spalliera lievemente ripiegata all’indietro, ciascuno ricavato da un singolo blocco di pietra.

Il Tempio italico di Pietrabbondante è un luogo particolare e unico per la sua struttura e per le sue tante particolarità, soprattutto per chi per studio o per passione è in grado di coglierle.

Tempio teatro Sannita di Pietrabbondante

Una di queste è l’Imea cava, ovvero una particolarità stilistica difficile da trovare nelle opere del tempo. Si tratta infatti di3 file di sedili distinti dal resto del teatro, alle quali si accede esclusivamente da due scale semicircolari. Tale caratteristica si crede risponda ai bisogni dati dalle manifestazioni pubbliche che si svolgevano in quel luogo. Altra particolarità sono i 5 essenziali scalini che permettono di raggiungere l’Imea cava soltanto dall’inizio e dalla fine del semicerchio del teatro quasi per indicare la forma di un semi-palco.

Ancora non chiara e precisa è la funzione del tempio-teatro. Sono stati molti gli studi archeologici svolti per comprendere il suo reale utilizzo e la sua specifica funzione. Data la mancanza di fonti e documenti attendibili non è possibile dare una risposta assoluta della sua funzione ma solo delle probabili ipotesi.

L’intero complesso fu probabilmente il santuario dell’esercito Sannita e luogo quindi di particolare importanza storica. È qui secondo gli storici che si svolse il rito del giuramento prima della grande battaglia di Aquilonia contro i Romani, nel 293 a.C., visto e considerato che gli scavi hanno rilevato tracce di un’area quadrata molto somigliante a quella descritta da Livio nel X Libro.

Battaglia di Aquilonia

Si narra infatti che il sacerdote Ovio Paccio, dopo aver delimitato uno spazio quadrato di circa 55 metri di lato fece pronunciare il giuramento di combattere fino alla morte a ben 16 mila guerrieri sanniti.

Il complesso Sannita di Pietrabbondante rappresenta un luogo simbolo per il territorio, reperto archeologico che testimonia l’importanza assoluta dei popoli Sanniti.