Tieni a mente

Ippovia del Parco; un percorso lungo 300 km dove ammirare borghi e castelli

Nella terra dell’Abruzzo, nel borgo di Rocca Calascio, sorge la fascinosa fortezza che rimembra la suggestiva atmosfera di Lady Hawke. Spesso è circondata misteriosamente da leggere nuvole che sembrano danzarle intorno. Salite piano inseguendo gli stretti viottoli tra casette in pietra fino ad arrivare alla rocca con uno straordinario balcone che vi regalerà una vista mozzafiato sui Monti della Laga fino al Gran Sasso.

3725023148_5b43747a90_b

Bensì Rocca Calascio sia la più alta fortificazione in territorio abruzzese, non è molto conosciuta. Si trova a 1464 m di altezza e risale all’anno 1000. E’ composta da quattro torri di forma cilindrica che racchiudono un grande mastio centrale. Inizialmente le torri vennero usate come semplici punti di avvistamento, ma quando l’importanza strategica della rocca crebbe, venne aggiunta una muraglia merlata e ai piedi della fortezza dove iniziò a formarsi un borgo.

Roccacalascio

Nel ‘500 fu acquisita dai Medici ma abbandonata dopo il sisma del 1703 quando tutti gli abitanti del borgo si spostarono più a valle, a Calascio. Per molti anni è stata abbandonata ma importanti lavori di restauro dopo la guerra l’hanno riportata in vita Per molti anni è stata abbandonata ma importanti lavori di restauro dopo la guerra l’hanno riportata in vita. E’ importante sapere che National Geografic la cita addiritttura tra le 15 fortezzza pià belle al mondo……..venite fin qui e capirete il perché!

Non è un caso che i dintorni e l’abitato di carattere austero e selvaggio, accompagnato da una silenziosa natura siano stati scelti come sfondo come set cinematografico per tanti film molto noti come Lady Hawke e Il nome della rosa. Una volta raggiunti quota 1464 m vi troverete come avventurieri avvolti da un paesaggio unico.

rocca-calascio-1310019_960_720

Lasciate l’auto in paese e raggiungete Rocca Calascio a piedi, ancora meglio se al tramonto. Il sentiero è tutto in salita (ca. 30 minuti)

Ma qui a Calascio fa tappa anche l’Ippovia del Parco. Si tratta di un tragitto circolare di 300 km che si districare sia sul versante aquilano, sia su quello teramano ed è molto affascinante per i tanti borghi, centri fortificati e castelli.