Tieni a mente

  • La Reggia di Caserta è aperta tutti i giorni tranne il martedì. Il biglietto di ingresso al palazzo e al parco costa 12€
  • Il Belvedere di San Leucio è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 18, tranne il martedì. Il biglietto di entrata costa 6€ . Visite guidate solo su prenotazione.

L’entroterra campano nasconde uno dei più bei tesori italiani: la famosa Reggia di Caserta, costruita nel Settecento da Luigi Vanvitelli.

Il maestoso edificio che si apre alla vista nella piana del Volturno merita una visita perché autentico capolavoro di architettura e decorazione, e per l’immenso valore delle opere d’arte in esso contenute.

IL PALAZZO

Il Palazzo Reale di Caserta è una dimora storica di incredibile bellezza progettata dall’architetto Vanvitelli, cui venne commissionato da parte del Re Carlo III di Borbone di costruire una reggia degna dell’importanza europea del regno di Napoli. Il risultato è stupefacente: comprende circa 1.200 stanze sfarzosamente decorate.

Scala_Reggia_Casertana

 

Entrando verrete avvolti dallo sfarzo e la meraviglia: tra le sale troviamo la Sala delle Cacce Reali, la Sala dei Porti di Campania, la Sala dei Porti di Calabria e Sicilia, la Sala dei Porti di Puglia, la Sala delle Allegorie, la Sala di Marte, la Sala di Astrea, la Sala del Trono, la Sala del Consiglio, la Camera di Francesco, la Camera di Murat e le quattro Sale dei Ritratti del Re. Assolutamente da non perdere è anche la Cappella Palatina, opera del Vanvitelli, dove venivano celebrate le cerimonie della famiglia reale, e la grandiosa Biblioteca, che contiene molti volumi antichi.

IL PARCO

caserta-parco-vaschei

Oltre al meraviglioso complesso del palazzo, il più grande d’Europa, non bisogna dimenticare i 120 ettari di Parco che lo circondano, impreziositi da vasche e cascate, oltre che un giardino all’italiana e un giardino all’inglese. Dalla Fontana Margherita si dipana una lunga Via d’acqua che porta alla Fontana del Canalone, un bacino nel quale l’acqua sgorga dalle gole spalancate di tre delfini, scolpiti dall’artista Gaetano Salomone. Una serie di vasche digradanti compongono poi altrettante cascate che terminano nella grandiosa Fontana di Cerere, interamente scolpita in marmo di Carrara.

OASI DEL BOSCO DI SAN SILVESTRO

Oltre alla cascata non dimenticate di visitare i dintorni. L’Oasi del Bosco di San Silvestro, nata nel 1993, si trova in corrispondenza della Grande cascata, subito dopo la grande cascata. Si estende sulle due colline contigue di Montemaiuolo e Montebriano. Anticamente era parte delle “reali delizie” della Reggia, adibita ad ospitare i giochi e le battute di caccia di Ferdinando IV.

CASERTAVECCHIA

Assolutamente da non perdere è anche CasertaVecchia, un borgo medievale di 300 abitanti, situato alle pendici dei mondi Tifatini, a circa 10 km dalla Reggia di Caserta. Il piccolo e delizioso centro si snoda attraverso un intreccio di stradine acciottolate che convergono tutte nella piazza a forma rettangolare, dove si affacciano la Cattedrale , il Palazzo Vescovile, il Seminario e la Casa Canonica. Caratteristiche le case con portali in legno.

BELVEDERE DI SAN LEUCIO

Piazzal-Belvedere

Poco lontana da Caserta la località di San Leucio con il suo splendido castello/fabbrica. Usato inizialmente come Casino di Caccia, venne poi trasformato da parte di Ferdinando IV, nell’ambito di un progetto inteso a creare una città ideale (Ferdinandopoli), in un centro manifatturiero dedicato alla seta: la Real Colonia Serica di San Leucio. Non furono intaccate le eleganti stanze reali, tranne la sala delle feste al cui interno fu allestita una chiesa per la comunità. Attorno al Belvedere furono creati i quartieri di San Carlo e San Ferdinando; furono poi costruite scuole, abitazioni per operai e insegnanti, stanze per la trattura, la filatura, e la tintura della seta. In definitiva,il belvedere di San Leucio ha tuttora un fascibno indiscutibile, sia le stanze reali che l’area manifatturiera. Interessantissime le Visite Guidate.