Tieni a mente

  • visitate il Duomo di Montefiascone con la seconda cupola più grande dopo quella di S. Pietro in Roma
  • assaggiate l'anguilla marinata o alla vernaccia

Nel cuore dell’Italia, incastonato nel affascinante paesaggio dell’alto Lazio troviamo il Lago di Bolsena. Questo vasto specchio d’acqua (114,5 kmq) risulta essere in Europa il più grande lago di origine vulcanica, e anche il più pulito del continente!

Le sue rive sono circondate da incantevoli boschi e da deliziose località che si caratterizzano per la loro quiete e romanticità. A esse si aggiungono tante piccole trattorie dove poter degustare infiniti piatti a base di freschissimo pesce del lago. Spesso si tratta di locali sorti all’interno di vecchie capanne di pescatori ed emanano una atmosfera singolare.

Un tour al sapore di lago e medioevo

I piccoli centri abitati lungo le sponde del lago e sui dorsali dei monti Volsini sono numerosi e ricchi di storia. Primo tra tutti Bolsena, il borgo medievale che ha dato il nome al lago e che si distende lungo le pendici dei monti Volsini. Spicca dall’alto il suo castello (13.-14. Secolo) recentemente ristrutturato, il quale ospita il Museo Territoriale del Lago. In estate ci si ritrova per fare sport acquatici di ogni tipo, soprattutto il windsurf e la vela e per il divertimento notturno. In questo periodo però ci si gode la quiete e gli tanti scorci romantici. Visitate la Cappella del Miracolo dove avvenne il portento dell’ostia (1263/1264) che fece uscire, quanto riportato dalle cronache del tempo, una abbondante quantità di sangue. Fu in seguito a questo evento che papa Urbano IV istituì la celebrazione del Corpus Domini.

Seguendo la strada panoramica in senso antiorario si arriva a San Lorenzo Nuovo. Vale la pena fermarsi e visitare la Chiesa di S. Lorenzo che domina con i suoi 34 m d’altezza la piazza ottagonale. Questo luogo è il perfetto punto di partenza se avete in mente di visitare luoghi d’interesse cultura e turistico come per esempio Orvieto, il Monte Amiata, la Maremma, o le Terme di Saturnia. Uscendo dal paese si arriva a Grotte di Castro con le necropoli di Vigna la Piazza e di Pianezze; entrambe una testimonianza del passato Etrusco. Entrate nella Basilica di Maria SS. Del Suffragio per ammirare i tanti oggetti sacri: una scultura in legno che rappresenta la Madonna del Suffragi, preziosi decori lignei che riportano all’epoca barocca.

Capodimonte

Arriviamo poi a Gradoli, Valentano e a Capdimonte con il suo meraviglioso centro adagiato su una pittoresca e piccola penisola; la perla del Lago di Bolsena. Da qui si può raggiungere l‘Isola Bisentina con un battello (più volte al giorno ma solo se viene raggiunto il numero minimo di persone). Fermatevi per pranzo o cena in uno dei tanti ristoranti per degustare qualche specialità locale come la Sbroscia (zuppa di pesce) pasta in brodo di Tinca, il famoso Filetto di Persico, Anguilla marinata o alla vernaccia, Frittura di Latterino e Coregone al cartoccio.

Marta_vt_lago_bolsena

Continuando il viaggio sulla strada panoramica intorno a questo silenzioso specchio d’acqua per arrivare a Marta, un fiabesco borgo con un porto attivo. L’atmosfera è unica e vi farà “innamorare” del Lago di Bolsena dove ci si ritrova ad apprezzare la natura, cultura e tradizioni del nostro paese. A Marta potrete visitare la Torre dell’Orologio, il Santuario della Madonna del Monte e il palazzo Farnesiano.

640px-Montefiascone

Prima di arrivare al Bolsena non resta che fare l’ultima tappa a Montefiascone che da una altezza di 590 metri s.l.m. vi regalerà il più bel panorama sul Lago di Bolsena. Dirigetevi verso la grande cupola del Duomo (al secondo posto per dimensione dopo quella di S. Pietro in Roma), entrate poi nella Rocca dei Papi che si trova nel punto più elevato del posto.

Fatevi trasportare dalle emozioni e gustatevi ogni momento di questo itinerario che vi rimarrà sicuramente nel cuore.