L’estate si avvicina e la riserva naturale marina delle Isole Tremiti è una meta ideale per trascorrere delle vacanze indimenticabili tra paesaggi unici e profumi inebrianti.

Questo meraviglioso arcipelago pugliese del mare Adriatico costituisce amministrativamente un piccolo comune con meno di 500 abitanti e fa parte del Parco nazionale del Gargano.

 

 

Le Isole Tremiti sono turisticamente uno dei centri più importanti per la Puglia, soprattutto grazie al mare cristallino e alla natura incontaminata di questi luoghi.

I chiarissimi fondali sabbiosi e la straordinaria qualità delle acque rendono queste Isole la meta perfetta per gli appassionati del turismo subacqueo, che potranno non solo scoprire il vivacissimo mondo di fauna e flora marine, ma avranno l’occasione di lasciarsi incantare da numerosi relitti nascosti. Un esempio? Nel 2005 è stato ritrovato uno dei piroscafi usati da Garibaldi per la spedizione dei Mille!

Per chi vuole rimanere in superficie, le grotte sono davvero numerose così come le piccole baie cosparse nella costa frastagliata e rocciosa, e nella terra ferma delle isole non mancano i percorsi in mezzo alla natura variegata di questi territori.

Isole Tremiti

Isola di San Domino

L’isola di San Domino è la più grande dell’arcipelago e la bellezza del suo paesaggio è indiscutibile, tanto che Lucio Dalla ha dedicato un suo album a una delle spiagge dell’isola. L’isola è in gran parte coperta da una pineta di pini d’Aleppo che, anche nei punti più impervi, scende gradualmente fino alle rocce che si inabissano nel mare

I profumi del sottobosco sono quelli avvolgenti tipici della macchia mediterranea come rosmarino, ginepro e mirto; oltre a questo profumato paesaggio, il panorama dell’isola comprende anche colture di viti e olivi.

Le grotte più famose da visitare sono quelle delle Viole, del Bue Marino, quella delle Rondinelle e la grotta del Sale con l’omonimo scoglio.

San Domino

Curiosità

Le Isole Tremiti sono note anche come le “isole di Diomede”, eroe della mitologia greca che, secondo il mito, avrebbe creato queste isole.

Rifugiatosi nell’isola, Diomede avrebbe gettato in mare tre sassi che divennero le isole di San Domino, Capraia e San Nicola e avrebbe così formato le Isole Tremiti. Proprio in queste isole l’eroe avrebbe perso la vita e venne sepolto sull’isola di San Nicola, dove si trova una tomba di epoca ellenica.

Mossa da compassione per il dolore dei compagni di Diomede, la dea Afrodite li avrebbe tramutati in uccelli, le Diomedee, il cui garrito somiglia a un pianto. In questo modo avrebbero potuto sorvegliare e proteggere la tomba del loro signore, e piangerne in eterno la perdita.

Ancora oggi è possibile ascoltare “il pianto” di questa specie di uccelli marini recandosi in escursione al Picco delle Diomedee sull’isola di San Domino.

 

Gastronomia

La cucina tipica dell’arcipelago non può che basarsi su piatti a base di pesce! Pescato nelle acque circostanti, viene servito fresco in antipasti, zuppe, grigliate e fritture.

Non mancano piatti a base di frutta, verdura, carne e formaggi, arricchiti con le inebrianti spezie del luogo: rosmarino, prezzemolo, basilico, aglio e quant’altro, uniti in un vero tripudio per i sensi!

Ovviamente non mancano dolci e dessert, il più tipico dei quali è il dolce al limoncello: non lasciatevelo sfuggire!