La primavera porta con se colori e profumi intensi che spazzano via il grigiore dell’inverno. La natura si risveglia e offre uno spettacolo inimitabile con la fioritura di alberi e piante.

Se salici, glicini e magnolie hanno già dato sfoggio della loro bellezza, ora è il momento dei ciliegi in fiore.

No, non stiamo parlando dei famosi ciliegi in fiore di Tokio bensì di Marostica, terra di produzione delle famose Ciliegie di Marostica, prodotto IGP.

Marostica si adagia dolcemente su una zona collinare ai piedi dell’Altopiano di Asiago e il territorio circostante è vocato alla coltivazione di questo frutto, uno tra i primi ad aver ricevuto l’Indicazione Geografica Protetta.

Nei mesi di marzo ed aprile, i rami scuri dei ciliegi sono fittamente ricamati dal bianco intenso dei fiori che si stagliano sul verde smagliante delle colline, candide promesse di una ricchezza che da lì a poche settimane si rivelerà in tutto il suo gusto.

Ciliegi in fiore di Marostica

Quando i fiori cadono, infatti, lasciano il posto a grandi frutti succulenti, sodi, dal colore rosso intenso, una vera prelibatezza. Le grandi ceste di ciliegie che da maggio sono in bella mostra in piazze e strade somigliano a grandi scrigni di rubini lucenti che esaltano la bellezza della cittadina.

Marostica non è famosa solo per le ciliegie ma anche per la Partita a Scacchi Vivente che si tiene in Piazza Castello ogni due anni nel mese di settembre (la prossima si terrà nel 2018). Un’enorme scacchiera campeggia in una delle piazze più suggestive di tutto il Veneto, incorniciata su tre lati da portici e alla quale si accede attraverso il Castello Inferiore del Trecento.

Piazza Castello a Marostica

L’evento è una rievocazione storica di un avvenimento che si narra sia avvenuto del XV secolo (senza però prova storica certa), una partita a scacchi che nel 1454 evitò lo scoppio di una guerra a causa della contesa della mano della bella Lionora, figlia del governatore, da parte di due contendenti. Il governatore decise che la figlia avrebbe spostato il vincitore di una partita a scacchi giocata con pezzi viventi nella piazza d’armi, anziché a duello.

Ogni due anni, quindi, la città ricorda questo evento, coinvolgendo oltre 600 figuranti in abiti rinascimentali, oltre alle pedine della scacchiera, per uno spettacolo davvero unico.

Partita degli Scacchi di Marostica

Oltre alle ciliegie e agli scacchi viventi, la cittadina di Marostica offre molti punti di interesse per il visitatore. Il centro storico si sviluppa sulla collina alla spalle di Piazza Castello e alla sommità trova ubicazione il Castello Superiore. Una cinta muraria maestosa, recentemente riaperta in quasi tutto il percorso, abbraccia idealmente la città e conduce il visitatore in uno dei punti più alti dell’abitato, offrendo un panorama impagabile sulla scacchiera e sul territorio circostante.

Mura di Marostica

La città è sempre animata da eventi e manifestazioni. Da segnalare la Sagra delle Ciliegie a fine maggio e la Caretera a fine giugno, una corsa a rotta di collo dal Castello Superiore a quello Inferiore su carretti condotti da due persone.

Marostica è una tappa da segnare nel calendario delle gite fuori porta primaverili!