Voglia di una fuga tra il silenzio di borghi, città, laghi o monti nel nostro paese? Ecco una piccola selezioni di 5 percorsi, sparsi da sud a nord, passeggiate invernali, non necessariamente nella neve e facili da fare anche con i bambini.

Iniziamo dalla penisola sorrentina con un percorso lungo 8 km, 3 ore di cammino partendo dal borgo di Termini fino a punta Campanella; un meraviglioso punto d’incontro tra il litorale sorrentino e quello amalfitano. Uliveti, piccole oasi terrazzate e, meteo permettendo, un’affascinante sul Vesuvio, su Procida e magari anche su Procida. Sostando a punta Campanella si può attendere il magnifico tramonto su Capri. I più temprati avranno l’occasione di raggiungere Monte San Costanzo per farsi inebriare da un panorama mozzafiato sulla baia di Ieranto.

gandolfo

Salendo la nostra penisola troviamo il Monte Soratte nel Lazio ornato dai due misteriosi laghi Nemi e Albano. In antichità in questo territorio si trovava uno dei più grandi complessi vulcanici e i due laghi si sono creati durante le ultime attività eruttive nell’età del Bronzo. Partendo e ritornando al borgo medievale Castel Gandolfo sul lato a ovest del cratere potrete ammirare il sito completo. È un’escursione adatta a tutti e ha una durata di tre ore.

Siete mai andati a passeggiare sulla collina di Fiesole o a Settignano? A pochi chilometri dalla magnifica Firenze, tra panorami mozzafiato e silenziosi boschi vi attende un sentiero lungo 8 km che si può sostenere in qualsiasi periodo dell’anno.

 

castello

Arrivando a Genova si sale da Piazza Manin con lo storico trenino Genova-Caselle fino alla Stazione Campi, ci si ritrova esattamente alle spalle della cerchia muraria più esterna della città. Qui parte una stradina che porta al suggestivo Forte Diamante incastonato proprio come un gioiello sopra a una rocciosa sommità. Camminando lungo la mulattiera in discesa si arriva al Forte Fratello minore e di seguito al Forte Puin e per finire al Forte Sperone. Per chi non è stanco può procedere fino al planetario di recente costruone (2015).

Nel biellese vi attende Zegna, una piccola oasi nella circoscrizione di Iana di Biella, ai piedi del Monte Rubello. In questo elisio, anche se artificiale, la bellezza della natura è l’unico e vero protagonista. Negli anni venti del Novecento, il celebre designer di alta moda Ermenegildo Zegna fece piantare ben 500 mila abeti rossi! Ed è spettacolare intravedere questo tappeto rosso che oggi ricopre le pareti della montagna che dopo la prima guerra furono completamente disboscate. Ma il famoso stilista fece costruire anche la Panoramica Zegna (1938), un percorso panoramico con partenza a Trivero per permettere agli operai di raggiungere questo meraviglioso posto di villeggiatura. Per poter gustare al massimo questo magnifico panorama è consigliabile incamminarsi sulle stradine che partono dall’alta Val Sessera.

800px-Bielmonte_3-2-06_003