Tieni a mente

- da Combai è possibile imboccare il "Sentiero dei Marroni" e il "Sentiero del Verdiso", percorsi naturalistici alla scoperta di due prodotti principe dell'enogastronomia locale

Fine estate, inizio autunno: i paesaggi suggestivi delle Prealpi Trevigiane si tingono di nuovi e intensi colori e fanno da cornice a piccoli borghi incastonati tra le colline, autentici scrigni di vere golosità di stagione come i marroni e il vino.

Vi suggeriamo una visita al territorio che circonda Miane, passando per Combai (terra dei famosi Marroni IGP e del vino Verdiso), Follina e Cison di Valmarino.

COMBAI

È un piccolo borgo nelle colline del Prosecco, famoso per i suoi marroni IGP che sono protagonisti di una manifestazione ad essi dedicata e che si tiene ogni anno nel mese di ottobre.

Enogastronomia, artigianato, animazione, natura e attività sportive: questi gli ingredienti della Festa dei Marroni. Durante l’evento è possibile gustare il prezioso frutto dei castagneti, assaggiare piatti in cui il marrone è ingrediente principe, partecipare ad escursioni naturalistiche e didattiche, anche per le scuole, acquistare prodotti di artigianato locale.

Combai

Combai è anche terra di Verdiso, un vino autoctono dell’Altamarca Trevigiana e che rientra nel disciplinare di produzione del prosecco DOC e DOCG. Ad esso è dedicata ogni anno una Mostra in cui sono presentate le sue varianti: tranquillo, spumante, passito, frizzante e frizzante con fondo.

FOLLINA

Poco distante da Combai, a Follina è possibile ammirare l’Abbazia Cistercense di Santa Maria, risalente al XIII secolo, esempio di stile gotico cistercense. Il chiostro quadrato, che ospita al centro una fontana, è il fulcro su cui si affacciano alcuni degli ambienti più importanti del complesso: il Parlatorio, la Biblioteca, il Refettorio, la Sala del Capitolo.

Follina

CISON DI VALMARINO

Il piccolo borgo medievale, inserito nella lista dei Borghi più belli d’Italia, ospita il maestoso Castello di Brandolini Colomban, meglio conosciuto come Castelbrando. Il complesso fortificato, risalente al XII secolo e posizionato su un’altura, domina il paese e il territorio circostante.

Oggi la fortezza è sede di un lussuoso hotel ed è location per eventi di rilevanza nazionale ed internazionale.

A Cison di Valmarino il visitatore sarà accolto anche dalla splendida Piazza Roma con Palazzo Barbi, sede del Comune, la Loggia, struttura del Seicento che oggi ospita un teatro, e la chiesa di Santa Maria Assunta del Settecento.

Castelbrando a Cison di Valmarino

MIANE

A Miane da non perdere una visita alla Chiesa Arcipretariale di fine 1800, con il suo tabernacolo e i suoi dipinti di grande pregio, e al Santuario della Madonna del Carmine in località Visnà.

 

Fra qualche settimana l’aria del territorio di Miane si riempirà del dolce profumo dei marroni cotti sul fuoco, da gustare con un buon bicchiere di Verdiso, ammirando i colori autunnali dei castagneti e dei vigneti. Una succulenta idea per un weekend!