Tieni a mente

  • a luglio viene organizzata la Festa del Teatro, il più antico festival di prosa in Italia
  • nel 3. e 4. weekend di novembre la Mostra Mercato nazionale del tartufo bianco
 

Dondolato trai i colli pisani, tra palazzi e affreschi di un tempo sorge San Miniato dove dormì Napoleone, si incontrarono Papa Clemente VII e Michelangelo e, si narra, venne al mondo Matilde di Canossa. Ci troviamo a metà strada tra Firenze e Pisa immersi da una fitta vegetazione, tra la Valdelsa e valle dell’Egola dove l’effluvio del tartufo bianco e il delicato gusto del vino bianco Pisano Torpè raccontano la storia di questa antica terra che circonda San Miniato.

In passato questo borgo è stato un importante centro d’incontro per i pellegrini, si perché era qui che transitava la strada dei pellegrini che collegava Santiago de Compostela con Roma, la Via Francigena. Per ben due volte San Miniato ha ospitato il grande Napoleone Bonaparte, e fu proprio qui che Papa Clemente VII commissionò la Cappella Sistina al geniale Michelangelo.

San Miniato ha origini etrusche-romane ma il suo stile medievale non passa inosservato. La Rocca (1240) con il pinnacolo che svetta sulla cima del colle è legata infatti alla figura di Federico II di Svevia. Da qui si può godere di un panorama mozzafiato che arriva, accompagnato dalle cime delle Alpi Apuane, fino al mare.

Rocca_di_federico,_02

 

San_miniato,_interno_02

La Cattedrale che sorge sul “prato del Duomo” è dedicata a Santa Maria Assunta ed è stata costruita nel 13. secolo. Vale la pena entrare e dedicarle del tempo perché nel suo interno si possono apprezzare un favoloso Crocifisso del 17. secolo e il Museo diocesano di Arte sacra, allestito nella vecchia sagrestia.

640px-Sanminiatoseminario

Rimarrete poi affascinati dalla bellissima facciata del Seminario vescovile che si trova nel antico centro di San Miniato. E’ stata dipinta nel 600 da Francesco Chimenti, un pittore di Fucecchio. La chiesa dei Santi Jacopo e Luisa si trova invece in piazza del popolo. Risale al 300 e ospita oggi la biblioteca comunale.

Continuando la tranquilla passeggiate lungo le viuzze e tra le case di mattoni rossi si arriva in piazza Castello dove sorge Palazzo dei Vicari. Si racconta che qui venne rinchiuso il consigliere di Federico II, Pier delle Vigne. Ancora prima di lui però qui ci visse il marchese di Toscana, Bonifacio III, ed è qui che nacque anche sua figlia, la contessa Matilde di Canossa.

Non importa se venite in estate o inverno, perché a San Miniato c’è sempre qulcosa da fare! A luglio viene organizzata la Festa del Teatro, il festival di prosa più antico del nostro paese! Mentre a novembre, nel 3. e 4. weekend del mese c’è un evento a cui non possono mancare gli amanti del tartufo; la Mostra Mercato nazionale del Tartufo Bianco.

Tuber_Magnatum_Pico