Close

Cosa stai cercando?

Cesena,_Province_of_Forlì-Cesena,_Italy_-_panoramio
, Cesena - Forlì - di Travel Blogger MyItaly

Forlì-Cesena; dal mare alle terme, dalle chiese alle fortezze

Sono 30 i comuni che formano la provincia di Forlì-Cesena, una superficie di 2.387 km2 che si distende tra il mare adriatico, l’Appennino Forlivese e Cesenate; 33% di pianura, 44% di collina e 23% di montagna. Grazie a questa sua variegata composizione geografia fisica Forlì-Cesena non è perfetta solo come meta per le vacanze estive tra spiagge di sabbia finissima e movida, ma è anche il luogo ideale per le vacanze dedicate al trekking, bike, bird-watching, escursionismo e molto altro ancora. Insomma, Forlì-Cesena è un posto dove poter trascorrere le vacanze tutto l’anno, in famiglia con i bambini, con gli amici o in coppia.

La lista dei monumenti e luoghi d’interesse è altrettanto grande e comprende varie abbazie, basiliche, cattedrali, chiese, castelli e due meravigliosi parchi naturali.

Forlì-Cesena sulla strategica via Emilia, da sempre ha avuto un atteggiamento aperto alla comunicazione e perciò da sempre molto ambita come centro di scambio.

Cenni storici

Le prime testimonianze dell’esistenza di Forlì-Cesena sono da trovare nella preistoria grazie a dei rinvenimenti fatti sul monte Poggiolo e Colle Garampo. Nel 285 a.C. venne conquistata da romani che, quasi 100 anni dopo, costruirono la via Emilia tra Rimini e Piacenza. Dal VI al VIII secolo il territorio di Forlì e Cesena fece parte dell’esarcato di Ravenna e con l’incursione di Astolfo nel 751 terminò il dominio bizantino come tutta l’Italia settentrionale. La storia di Cesene e Forlì è molto movimentata tra battaglie e dominatori come cardinali e le possenti dinastie degli Ordelaffi e Malatesta, Sforza e Borgia.

I tanti avvenimenti hanno portato un grande patrimonio architettonico, soprattutto religioso.


Cosa vedere

Forlì-Cesena è una continua scoperta di villaggi e fortezze, zampilli e cascate, di zone dove immergersi nella tranquillità della natura o dove vivere giornate attive piene di sport e divertimenti per tutte le età. Ma prepariamoci anche a un viaggio nell’architettonica:

Abbazia di San Mercuriale

Da vedere a Forlì l’Abbazia di San Mercuriale ricostruita nel 1180 dopo un incendio, al suo interno numerose opere, la Basilica di San Pellegrino Laziosi (1345), il Palazzo del Municipio risalente al medioevo e il Palazzo del Podestà del ‘400. Forlì, essendo anche terra di cultura, propone numerosi musei; Museo Civico Archeologico, Museo del Risorgimento Aurelio Saffi, Museo Romagnolo del Teatro. In campagna il Santuario di Santa Maria delle Grazie con una delle chiese circolari più particolari d’Italia.

Santuario_di_Santa_Maria_delle_Grazie_di_Fornò
Santuario di Santa Maria delle Grazie

 

 

La_rocca_malatestiana_di_Cesena
Rocca Malatestiana

 

A Cesena in Piazza del Popolo possiamo ammirare la fontana cinquecentesca di F. Masini, il Palazzo Comunale del ‘300. Poco lontano Rocca Malatestiana e il suo meraviglioso parco con all’ interno uno dei più importanti musei della civiltà contadina della regione. In questo posto fiabesco si trova anche la Biblioteca Malatestiana. Da visitare anche l’Abbazia di Santa Maria del Monte, la Cattedrale di San Giovanni Battista.

 

Cosa fare

Tra le tante cose da fare durante tutto il periodo dell’anno non possiamo dimenticarci le terme di Forlì-Cesena; Castrocaro Terme, Bertinoro, Bagno di Romagna, Terra del Sole che offrono modernissimi stabilimenti dove potersi prendere cura del proprio benessere.

Assolutamente da fare un viaggio lungo la Strada dei Vini e Sapori trai i colli di Forlì e Cesena. Questo tour è l’occasione perfetta per conoscere da un lato l’enogastronomia, le tradizioni popolari e l’artigianato di questo territorio con spiccata inclinazione per l’ospitalità.