Close

Cosa stai cercando?

Modena
Modena
, Modena - di Travel Blogger MyItaly

Modena: tutte le sfumature della bellezza

In Emilia-Romagna, adagiata dolcemente nella pianura padana sorge Modena, capoluogo dell’omonima provincia.

Sono tante le immagini che vengono alla mente quando si sente pronunciare questo nome, a testimonianza dell’importanza storico-culturale e della ricchezza non solo artistica della città.

Come non pensare, infatti, al rosso brillante di una carrozzeria Ferrari che sfreccia sull’asfalto del vicino autodromo del Mugello. O, ancora, come non pregustare sin da subito il piacere delle specialità alimentari che fanno di Modena uno dei capoluoghi della gastronomia italiana. Aceto balsamico, Parmigiano Reggiano, prosciutto di Modena sono solo alcuni esempi delle prelibatezze che rappresentano la cucina modenese e italiana nel mondo.

Azzurro e argento per una città di Signori

L’aquila d’argento in campo azzurro è l’immagine rappresentata sullo stemma della casa d’Este. La storia di Modena si lega indissolubilmente a questa signoria che ha saputo preservare il dominio sul Ducato di Modena e Reggio per 4 secoli, nonostante le invasioni napoleoniche e la successiva presenza degli Asburgo.

In realtà la storia della città è molto più antica e articolata. Infatti, risale addirittura agli etruschi, anche se la fondazione ufficiale come colonia romana avviene nel 183 a.C. e, prima dell’arrivo dei signori d’Este ha visto passare sulle sue strade anche i Longobardi.

Modena ha quindi attraversato i secoli ed è stata osservatrice e protagonista delle grandi rivoluzioni che hanno determinato la storia d’Italia. La presenza di così tante influenze politiche e culturali diverse ha determinato la stratificazione di un patrimonio artistico e architettonico estremamente variegato. Tuttavia, sono stati i signori d’Este a plasmare la città donandole l’eleganza che ancor oggi la caratterizza.

duomo 800x600

L’UNESCO ha riconosciuto l’importanza del patrimonio di Modena inserendo nelle sue liste il Duomo la Torre Civica, meglio conosciuta come Ghirlandina e simbolo della città, e la Piazza Grande.

Proprio da qui, quindi, dovrebbe partire un viaggio alla scoperta delle bellezze della citta per proseguire poi verso il Palazzo Ducale, antica sede della corte estense che oggi ospita la prestigiosa accademia militare di Modena. L’ ipotetico percorso sulle tracce del passato signorile della città dovrebbe quindi terminare con una visita alla galleria estense, il museo che espone la collezione di opere appartenute ai duchi d’Este.

Passione rossa

ferrari 800x600

Se invece volete dare un taglio più moderno al vostro viaggio, potete scegliere di scoprire Modena sulla scia di simboli che l’hanno resa celebre in Italia e nel mondo.

Il punto da cui partire allora è sicuramente il museo Ferrari dove potrete rivivere la storia di un’avventura, quella del cavallino rampante, che ancor oggi colora di rosso i sogni di grandi e bambino. Qui, durante una visita guidata di circa un’ora, ammirerete da vicino le macchine che si sono trasformate in vere e proprie icone a livello mondiale, oppure sarà possibile prenotare delle visite private o, ancora, richiedere delle esperienze personalizzate.

Per concludere quest’esperienza, poi, recatevi all’autodromo del Mugello per vedere il sogno di Enzo Ferrari che, oggi come allora, diventa realtà e sfreccia sull’asfalto rovente della pista.

Se invece preferite le linee sportive e accattivanti dello stile Lamborghini non preoccupatevi, c’è quello che fa per voi.

Nel museo Lamborghini, poco distante da Modena, oggi rinnovato come Museo delle tecnologie, potrete vivere di persona l’ebbrezza della guida di uno dei gioielli di questa casa automobilistica grazie un simulatore capace di trasmettervi tutta la potenza e il brivido di una corsa in Lamborghini.

lamborghini800x600

Nero balsamico, bianco reggiano

La scoperta di un luogo passa anche per la sua cucina, le sue tradizioni e i suoi sapori. Modena ha così tante prelibatezze da far gustare ai suoi ospiti che una vacanza, magari partita con un altro intento, può velocemente e piacevolmente trasformarsi in un tour gastronomico tra i ristoranti, caffè e locali che popolano le vie della città.

Ma vediamo quali sono i piatti irrinunciabili da mangiare a Modena.

La specialità della città è sicuramente l’aceto balsamico tradizionale DOP, prodotto con mosti d’uve cotte provenienti esclusivamente dalle province di Modena e Reggio Emilia. Ma questo luogo è un vero e proprio scrigno di meraviglie gastronomiche e culinarie.

Come non pensare, infatti, al Parmigiano Reggiano o al prosciutto crudo di Modena, che hanno ottenuto la denominazione di origine controllata (DOP). La cucina modenese, poi, ha saputo declinare l’utilizzo di questi prodotti una varietà di ricette che ne valorizzano ulteriormente la qualità e la ricchezza di sapori.

parmigiano reggiano Modena

Tortellini, tigelle e gnocco fritto, piatto della tradizione contadina che in passato sostituiva il pane, sono solo alcuni esempi del modo in cui la qualità degli ingredienti si sposa con la fantasia della cucina modenese.

Ma bisogna anche citare il borlengo (simile a una crêpe ma più sottile e croccante), e il lambrusco, tipico vino rosso frizzante, ideale per accompagnare piatti dai sapori forti e robusti come le lasagne.

 Crescentine Modena

Infine, per concludere questa scorpacciata virtuale, non possono mancare il bensone, dolce classico e caratteristico di Modena, la cui ricetta si perde nella storia, gli amaretti o la zuppa inglese.

Amaretti Modena