Close

Cosa stai cercando?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
, valchiavenna - di Travel Blogger MyItaly

Valchiavenna per un weekend tra sport e tanta natura

Per gli amanti di laghi e montagne la Valchiavenna è la meta perfetta! Vi presentiamo il lato meno noto ma anche più a portata di mano, da scoprire in barca, a piedi o in bici.

Lago_di_Mezzola_e_Novate_-_panoramio

Lago di Novate Mezzola

Iniziamo la gita partendo dal lago di Novate Mezzola, un piccolo paradiso lacustre che con la sua brezza ci regala una porzione di gradevole freschezza e relax. Noleggiate una canoa per raggiungere la sponda opposta di Verceia dove rimarrete estasiati dal monte Peschiera con le sue pareti a picco nel lago. Alzate lo sguardo e lasciatevi impressionare dalla spettacolare vegetazione. Su questo lato disabitato del lago s’incontrano piccole, suggestive baie che conducono ad Albonico dove vi aspetta un altro spettacolare regalo della natura: una cascata formata da un doppio salto.
Proseguendo la pagaiata sotto riva ecco il “salto delle capre”, un impressionate sperone quasi verticale. Continuando il silenzioso viaggio sull’acqua verso nord si arriva all’imbocco del Mera con il tempietto di San Fedelino. Un imperdibile costruzione romanica su un piccolo prato di un verde intenso che emana un’armonia fiabesca.

13640714

 

Case_pre-Centralina,_Scout_base_in_Codera_(Novate_Mezzola)

Tracciolino

Lo stupore non si ferma al lago ma continua durante il secondo itinerario che ci porta tra le montagne. Da Verceia si sale in macchina verso Castano in Valle dei Ratti fino a incontrare il Tracciolino, un vecchio tratto panoramico che si snoda a 900 m e arriva quasi in Val Codera. Ora si prosegue in sella l’itinerario lungo i binari dove una volta facevano spostarsi le merci tra le dighe delle due vallate.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Uscendo dal bosco e percorrendo un contesto meno ricco di vegetazione ecco la prima di ben 22 gallerie! Pedalare nel fresco in questo panorama non ha prezzo. Guardando giù appare il bellissimo lago di Novate Mezzola incastonato tra canneti e montagne. Questo itinerario è lungo quasi 14 km ed è stato sistemato da poco (risale agli anni 30). È stato messo in sicurezza e i primi 8 chilometri sono adatti a tutti gli amanti della bici.
Il traguardo è a Codera, solo una manciata di case in pietra. Da qui si può raggiungere a piedi il rifugio Brasca.

Nei dintorni ci Verceia

Lungo la ciclopedonale che collega Valchiavenna e Valtellina ecco un gioiello di natura militaresca: Galleria di Mina. È un reperto del 1916/1917 un labirinto sotterraneo in caso d’invasione del nemico da nord. Questo tunnel è lungo 200m, scavato nella roccia e si può visitare. Sono state create 4 ramificazioni, 18 derivazioni e 16 pozzi d mina, sei camere e un pozzo di prelievo. Poi ancora 4 cisterne e 3 condotti di areazione!

Il sentiero sterrato (mulattiera) conduce in 45 minuti a Sasso Corbè, Villa e alla frazione Corti. Qui si riprende la ciclopedonale per ritornare alla base di Verceia in due ore di tranquilla passeggiata.