Relax non è associabile esclusivamente a una vacanza, a un soggiorno lungo o corto che sia; relax è uno stato d’animo che si può raggiungere anche con sensazioni ed emozioni legate ai nostri sensi! Ecco perché partiamo per un viaggio culinario in Lombardia, precisamente a Bergamo con le sue due anime e le valli che meritano una gita fuori porta.

Iniziamo il viaggio dei sapori partendo dal capoluogo dell’omonima provincia: Bergamo, o meglio Bergamo Bassa, la città “contemporanea” con affascinanti palazzi tardorinascimentali in Via Pignolo, il magnifico Sentierone considerato il cuore di Bergamo e l’Accademia Carrara, l’unica pinacoteca in Italia composta da donazioni provenienti da collezioni private.

 

PalazzoDellaRagioneBergamo06

Funicolare_di_Bergamo

Da Bergamo Bassa si può raggiungere in funivia o a piedi Bergamo Alta, derivazione celtica Berghem, ossia casa sul colle. Rimarrete incantati dalla Piazza del Duomo con la cattedrale, dalla Cappella Colleoni con Battistero a pianta ottagonale. E poi ancora la Basilica di Santa Maria Maggiore e Piazza Vecchia con Fontana del Podestà di Contarini e Palazzo della Ragione. Se è ora di pranzo o cena fate una tappa gastronomica per gustarvi un primo piatto molto ricercato: casoncelli della bergamasca con un ripieno di carne suina, uvetta e amaretti.

 

Casoncelli_in_una_grande_padella

Allontanandoci in direzione nord, costeggiando la fascia collinare, si potranno notare i vigneti dove nasce il Moscato di Scanzano DOCG e il Valcalepio COD. Si tratta di due vini speciali che vengono abbinati a dessert e ai formaggi erborinati. Si arriva poi in Valle Brembana, raccordo principale dell’antica Strada Priula, tra Pizzo del Diavolo di Tenda e Pizzo dei Tre Signori, zona nota per l’estrazione di purissime acque minerali. In questa zona viene prodotto il formaggio DOP Formai de Mut dell’Alta Valle Brembana. Sono ancora i mandriani a lavorare l’impasto semicotto, delicato e fragrante.

Proseguendo il viaggio gastronomico verso nordest si arriva a Branzi. Questo posto è conosciuto per la lavorazione dell’ardesia e per l’omonimo delicatissimo cacio. In Val Taleggio e Brembana viene prodotto anche lo Strachitunt DOP, uno stracchino erborinato di forma rotonda
In corrispondenza della Valle Brembana c’è poi Valle Seriana con un paesaggio collinare che raggiunge il fondovalle. A Clu­sone, il centro più grande della media e alta valle, viene prodotto Bernardo, un formaggio dal gusto amabile che a volte viene insaporito con lo zafferano. Da assaggiare anche il formaggio Valle Seriana, la dolce formaggella della Valle Seriana, le profumatissime castagne e il miele.
Più a nord del Pizzo della Pre­solana, s’innesta la Valle di Scalve che è conosciuta per la sua attività mineraria. A Schilpario, una nota stazione sciistica, elenca tra le specialità gastronomiche il Casolet e la formaggella della Valle di Scalve.