Il FAI – Fondo Ambiente Italiano, come ogni anno in occasione della primavera organizza delle giornate dedicate alla scoperta delle bellezze del territorio italiano, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia. Oggi scopriamo cosa ci riserva il Veneto!

Riscoperta del territorio che ci circonda e valorizzazione del patrimonio naturalistico-artistico-storico del nostro paese: ecco gli obiettivi delle Giornate FAI di Primavera, evento che celebra quest’anno la sua 25° edizione. Il FAI è l’ente che ad oggi si è occupato del restauro e della valorizzazione di 56 luoghi in Italia, mentre 34 sono quelli che sono stati regolarmente aperti al pubblico per permettere alle persone di viverli e riavvicinarsi così al proprio patrimonio storico-naturalistico, un patrimonio di tutti che rivive ogni anno attraverso le manifestazioni create dal FAI per offrire un’opportunità di tempo libero di qualità a tutti, adulti, bambini, famiglie.

Le Giornate FAI di Primavera sono l’evento che interessa ben 400 località in tutta Italia: oltre 1000 luoghi aperti al pubblico tra chiese, ville, boschi, borghi, palazzi, aree archeologiche, ma anche castelli, giardini e archivi storici. A fronte di un piccolo contributo libero sarà possibile visitare questi luoghi, accompagnati da volontari chiamati “ciceroni” che illustreranno storia e curiosità di questi luoghi.

Anche per l’edizione 2017 (che si celebra sabato 25 e domenica 26 marzo) i luoghi che il FAI apre al pubblico sono tanti in tutte le regioni. Ecco alcuni suggerimenti per vivere queste 2 giornate in Veneto, nella provincia di Venezia!

Villa Migotto e Villa Correr Agazzi a Santo Stino di Livenza

villa_correr_agazzi1

Villa Migotto è una villa cinquecentesca affacciata sul canale Malgher in corrispondenza dell’ansa che si trova nella frazione di Corbolone; la villa è un tipico esempio di edificio cinquecentesco a pianta a veneziana: salone centrale al piano nobile illuminato da trifora con balcone centrale e cinque monofore addossate che si contrappongono alle finestrelle quadrate del piano granario. L’ansa del canale un tempo era l’ansa del fiume Livenza che permetteva di raggiungere il porto antico di Caorle così come al città di Venezia.

Villa Correr Agazzi si trova invece a Biverone, altra frazione del comune di San Stino. La villa è un’antica dimora di campagna di proprietà di una famiglia della classe agiata. L’interno della villa si caratterizza per il robusto impianto coronato a levante e a ponente da una cornice a modiglioni e segnato da cornici trasversali marcapiano.

Villa Morosini e Villa Erizzo Belvedere a Mirano

villa-belvedere1

Dopo l’acquisizione da parte del comune di Mirano, Villa Morosini, Villa Erizzo e il suggestivo Castelletto sono state oggetto di un attento restauro che ha riportato le due Ville e il Castelletto alla Comunità. I parchi in cui sono immerse le due ville sono caratterizzati da una ricchissima varietà di piante e alberi, alcuni monumentali. I parchi sono oggi una mèta molto frequentata dai miranesi e si offrono come scenario ideale per eventi culturali di vario genere.

Negozio Olivetti a Venezia

negozio_olivetti1

Ubicato in Piazza San Marco, il negozio Olivetti è un locale a due piani realizzato dall’architetto veneziano Carlo Scarpa su commissione di Adriano Olivetti: un perfetto esempio di design scarpiano dove modernità architettonica e tradizione veneziana convivono in armonia, dando vita a quello che è stato definito dal critico Carlo Ludovico Ragghianti come “uno dei più limpidi capolavori dell’architettura contemporanea”. Come si può dedurre dal nome, lo spazio è anche area espositiva per macchine da scrivere del celeberrimo marchio di Ivrea.