Località
Data di arrivo
Data di partenza
N. ospiti 2 Adulti - 0 Bambini
Numero Camere
Camera 1
N. Adulti
N. Bambini
Camera 2
N. Adulti
N. Bambini
Camera 3
N. Adulti
N. Bambini
Camera 4
N. Adulti
N. Bambini

Asolo

Casa Duse in Asolo

Tra gli edifici storici presenti ad Asolo, Casa Duse è quello che tra tutti evoca storie e ricordi che affondano le loro radici alla fine dell’800.
Fu proprio allora che Eleonora Duse, attrice teatrale tra le figure più influenti del panorama culturale italiano della fine del secolo, visitò Asolo per la prima volta e ne rimase così colpita da volercisi stabilire.

Casa Duse si trova in Via Antonio Canova 287/344. E’ un palazzo del Cinquecento, che fu inizialmente dimora di Francesco Nursio Timideo da Verona e che si trova sulla cinta muraria medievale, in corrispondenza della Porta di Santa Caterina.
Dalla sua prima visita ad Asolo nel 1892, la Divina restò talmente colpita dallo splendore della località e dei paesaggi circostanti da volercisi stabilire. Ma ci vollero molti anni prima che l’attrice trovasse la dimora adatta, e il destino volle che l’abitazione divenne oggetto di contesa tra l’attrice ed una famiglia veneziana: la compagna di un caduto nella battaglia del Grappa voleva la dimora per mantenere vivo il ricordo del defunto amato, caduto proprio nella battaglia del Grappa. Le finestre del palazzo, che davano proprio su quel luogo, le avrebbero permesso di rendere omaggio ogni giorno alla memoria dell’amato. Saputa questa triste vicenda, la Duse rinunciò in un primo momento all’acquisto della casa, e fu solo più avanti e dopo la rinuncia della casa da parte degli interessati che l’attrice ne entrò in possesso. Per conservare il ricordo della coppia, l’attrice volle comunque compiere un gesto simbolico mettendo ogni mattina dei fiori sul davanzale affacciato verso il Monte Grappa. “Allorché la mattina apro le imposte della mia camera, nel vano della finestra si inquadra il Monte Grappa. Allora metto due vasi di fiori sul davanzale. Ecco un altare”, furono le parole dell’attrice.

Oggi Casa Duse, visitabile dall’esterno, si presenta come un edificio dal peculiare colore bianco e rosso, caratterizzato da interessanti motivi architettonici e da una targa in marmo apposta sulla sua facciata che ricorda la sua celebre inquilina e che reca alcuni versi del poeta Gabriele D’Annunzio, grande amore dell’attrice. Uno sguardo alla casa basta per capire perché la Duse scelse questo luogo tra le montagne come dimora dei suoi ultimi anni: la vista sul Grappa è incantevole.

Dalla casa è possibile poi raggiungere il cimitero di Asolo, dove l’attrice è sepolta dalla sua morte che avvenne nel 1924. La tomba dell’attrice si trova in un luogo appartato e protetto dall’ombra dei cipressi, rivolto verso il Massiccio del Grappa, proprio come da lei desiderato.